Dove agiamo

Lifeline accoglie i bambini che vivono nei Paesi dell’Europa dell’Est e dell’Asia Centrale, in particolare in Kyrgystan, Ucraina e Georgia.

In Italia i bambini vengono ospitati in 12 ospedali di 6 regioni: Verona, Vicenza, Padova, Bologna, Brescia, Pavia, Monza, Torino, Pisa e Genova.

 

I paesi con cui lavoriamo (Kyrgyzstan, Ucraina e Georgia) non hanno sufficienti risorse per la sanità per far fronte alle terapie necessarie ai bambini con leucemia o tumore: in questi paesi i bambini muoiono per malattie potenzialmente curabili.
In Kyrgyzstan, per esempio, il governo riserva alla sanità tra il 4% e l’ 8% del bilancio. Questo significa destinare 55-115 $ pro capite per anno, con cui pagare le strutture ospedaliere, gli stipendi dei medici e del personale. La soluzione non è sollecitare il governo a destinare più fondi alla sanità: molto semplicemente il governo non ha abbastanza soldi per acquistare i farmaci per le malattie oncologiche e ematologiche. I prezzi di questi farmaci in Kyrgyzstan sono gli stessi che nei paesi dell’Europa dell’Ovest: per cercare di salvare la vita a questi bambini sono necessari aiuti dall’esterno.

ucraina UCRAINA georgia GEORGIA Flag_of_Kyrgyzstan.svg KYRGYSTAN